Utilizzare il WiFi su Android dietro proxy senza permessi di root

Pin It

Come primo articolo mi sento di scrivere questa mini-guida per tutti coloro che, come me, si trovano nell’impossibilità di accedere a internet con il proprio terminale Android avendo a disposizione una connessione WiFi con proxy e che non hanno i permessi di root sul proprio telefono.

Proxy Android

Purtroppo, senza permessi di root è possibile utilizzare solo la navigazione web dietro proxy, ma questo credo soddisfi già le esigenze di molti utenti. Unico requisito è aver installato Opera Mobile.

Se non avete ancora Opera Mobile installato, procuratevelo dall’Android Market a questo indirizzo, o tramite il QR code seguente:

QR OperaSe non riesci a connetterti con il tuo telefono per scaricare Opera, allora da PC seleziona la versione più recente per Android da questo link, e poi trasferisci l’apk sul tuo dispositivo e installalo.

Ultimati i preparativi, passiamo all’azione! :D

Connettiamo il dispositivo tramite WiFi, apriamo il nostro bel browser Opera e digitiamo nella barra degli indirizzi questo opera:config

opera-proxy-1

Si aprirà una pagina di configurazione. Noi scrolliamo giù fino alla voce proxy e la espandiamo.

opera-proxy-2

Scorriamo ancora giù fino a trovare i campi per inserire l’indirizzo del nostro proxy HTTP e HTTPS nella forma indirizzo:porta

opera-proxy-3

Scrolliamo ancora in giù ed attiviamo i segni di spunta su Use HTTP e Use HTTPS (anche su Use FTP se il proxy ci consente di usare questo protocollo).

opera-proxy-4

Ed ecco che abbiamo terminato! Ci basterà salvare il tutto e il nostro caro Opera ci consentirà la navigazione.

Ora vi chiederete “ma se ho un proxy con autenticazione?“. Non bisogna fare nient’altro! Quando apriremo la prima pagina della nostra sessione spunterà fuori un popup che ci chiederà di inserire il nostro username e la nostra password.

 

Buona navigazione a tutti! ;)

  • Cipp75

    NON FUNZIONA !!!

  • Alessandro

    Non funziona!

  • Alessandro

    rettifico, non gestisce i .pac (almeno Opera 11.50), ma l’indirizzo alternativo è recepito e sembra funzionare.